RAVIOLI AL NERO DI SEPPIA CON BACCALA’, NATALE A TAVOLA

I ravioli al nero di seppia con baccalà, primo piatto di Natale

RAVIOLI AL NERO DI SEPPIA CON BACCALA’, NATALE A TAVOLA
 

I ravioli al nero di seppia con baccalà conditi con cipolle caramellate, crescione e buccia di limone sono un primo piatto di Natale molto gustoso e ricercato. La preparazione non è complicata, ma si tratta sicuramente di una ricetta che va bene per chi già si destreggia in cucina.

Premesso che ho sempre avuto un’avversione al baccalà, probabilmente dovuta al fatto che ho sempre degustato ricette poco entusiasmanti, ultimamente l’ho davvero rivalutato.

Tenetevi pronti perché per Natale farò anche il baccalà mantecato e pubblicherò la ricetta. Sarà uno degli antipasti di Natale 2019…. uno dei tanti!

Ma torniamo a questa ricetta.

I ravioli al nero di seppia con baccalà rappresentano un primo di mare da proporre la vigilia di Natale per chi impronta tutte le portate sul pesce, ma nulla vi vieta di proporli anche per il pranzo del 25 dicembre. In entrambi i casi farete sicuramente una grandissima figura.

Il vantaggio di questi ravioli al nero di seppia con baccalà è il fatto di poterli preparare con qualche giorno d’anticipo e di cuocerli tuffandoli direttamente in acqua bollente.

Il sugo è leggermente dolce, per ben bilanciare il sapore deciso del baccalà.

Credetemi, sono da provare! Seguite la ricetta.



 

 

INGREDIENTI PER CIRCA 35 RAVIOLI

 

Per i ravioli

200 gr. di farina 00
2 uova intere
2 cucchiai di olio
2 cucchiai di acqua tiepida
20 gr. di nero di seppia

 

Farina di semola per spolverizzare

Per la farcia
350 gr. di baccalà già dissalato
150 gr. di sedano rapa
1 piccolo scalogno
½ bicchiere di latte
1 cucchiaio raso di prezzemolo tritato
Pepe nero

Per condire
80 gr. di burro
1 cipolla rossa

Qualche cucchiaio di latte
Miele al limone Rigoni di Asiago
Buccia di limone grattugiata
Un pizzico di peperoncino tritato
1 cucchiaino di maizena

Crescione

Sale fino

 

PROCEDIMENTO

In una planetaria mescolare la farina con le uova, l’olio e il nero di seppia. Lavorare la pasta fino a renderla liscia ed omogenea, avvolgerla nella pellicola e lasciarla riposare per mezz’ora.




 

Lessare il baccalà in acqua non salata per 20 minuti. Eliminare la pelle, far raffreddare e sminuzzare.

 

Tagliare a fette lo scalogno e cuocerlo nel latte fino a quando diventa morbido.



 


Pelare il sedano rapa e tagliarlo a fette sottili. Lessarlo in acqua bollente, scolarlo e frullarlo insieme allo scalogno e a qualche cucchiaio di latte.
 




 

Aggiungere il sedano rapa al baccalà.

 

Regolare di sale e aggiungere il prezzemolo e il pepe.




 

Riprendere la pasta, dividerla in quattro parti, avendo l’accortezza di lavorarne uno alla volta tenendo gli altri avvolti nella pellicola.

 

Tirare molto finemente la pasta fino ad ottenere delle sfoglie con uno spessore di circa 1 o 2 mm.

 

Distribuire un po’ di ripieno sulla sfoglia, coprire con un’altra sfoglia, far aderire bene la pasta intorno al ripieno e coppare con un coppapasta dentellato.




   



 

Procedere nello stesso modo fino ad esaurire gli ingredienti.

Trasferire i ravioli, a mano a mano che vengono fatti, su un vassoio cosparso di farina di semola.

 

Tagliare finemente le cipolle, far sciogliere il burro ed unire le cipolle, salare leggermente, aggiungere il miele e far caramellare. Unire il latte e la maizena e far addensare. Unire il peperoncino.





 

Condire i ravioli e cospargerli con la buccia di limone grattugiata ed il crescione, lavato e asciugato con carta assorbente.

Servire caldi.





commenti

lascia un commento

Copyright © Cucina & Svago 2017. Tutti i diritti riservati. Powered by Helmet Digital System