Il polpo si veste di crema di melanzana e fagioli… ed è subito delizia!

POLPO CON CREMA DI MELANZANA E FAGIOLI BORLOTTI
 

 

Il polpo è una vera delizia estiva. Il polpo in insalata è squisito e irrinunciabile nella stagione più calda dell’anno e quella super classica polpo e patate è sempre buonissima. Se poi vi piace azzardare in cucina v’invito a dare un’occhiata alla mia ricetta del polpo alla griglia con stracciatella oppure polpo alla Gallega, tipa ricetta spagnola.

 

Ma facciamo un passo indietro:

 

Come si pulisce il polpo appena pescato?

 

Io ne so qualcosa con figlio e marito che li pesano durante le vacanze al mare.

Innanzi tutto lo si sbatte e lo si arriccia più volte sugli scogli. Questa è un’operazione fondamentale per rendere le sue fibre più morbide.
Qui sotto potete vedere il mio giovane pescatore e la sua assistente (la foto è di qualche anno fa...).



   

 

Poi, dopo averlo lavato accuratamente, si procede togliendo rostro e occhi.

Io procedo anche eliminando la pelle dalla testa e dai tentacoli avvalendomi di una carta da cucina per far maggiore presa. Nei punti dove non riesco procedo con questa operazione dopo la cottura.

Nel caso in cui il polpo non fosse appena stato pescato consiglio di eliminare occhi e rostro e di congelarlo per una notte: si otterrà lo stesso effetto. Ricordarsi, però, di farlo scongelare prima di cuocerlo.

 

Come si cucina il polpo?

 

La sua cottura è semplicissima: basterà immergerlo in acqua bollente fino ai tentacoli e aspettare che si arriccino, poi immergerlo completamente e farlo cuocere per circa 25/30 minuti (dipende dalla sua dimensione). Controllare la cottura infilando i rebbi di una forchetta dove partono i tentacoli (nella parte più spessa).

Lasciarlo intiepidire nella sua acqua di cottura.

All’acqua si possono aggiungere gli odori e le verdure preferite per insaporirlo.

 

La ricetta di oggi è un antipastino sfizioso: il polpo è servito su una crema di melanzana violetta e fagioli borlotti, che lo ospita in tutta la sua bontà.

A fare da trait d’union del fresco sedano e da contrasto, per colore e sapore, il ribes.

 

Un antipasto di polpo facile facile che, se ben presentato, vi farà fare un figurone.

Pronti per mettervi alla prova e vedere se è proprio vero?

 

Se la ricetta vi è piaciuta condividetela sui social !






INGREDIENTI PER 10 PERSONE

1 polpo piccolo

1 melanzana violetta

200 gr. di fagioli borlotti BioExpress

2 coste di sedano

1 carota

½ cipolla

1 lime

Ribes q.b.

Olio extravergine d’oliva

Pepe nero

Sale fino

 

PROCEDIMENTO

Sgranare i fagioli e metterli a bagno in acqua fredda per una notte.

Il giorno successivo sciacquarli e cuocerli in acqua salata e a fuoco basso.

Lavare accuratamente il polpo, togliere rostro, occhi e la pelle dai tentacoli (nel caso in cui non venisse via tutta si potrà effettuare quest’ultima operazione anche dopo la cottura).

Portare ad ebollizione una capiente pentola con acqua leggermente salata, la carota, la cipolla, il sedano (1 sola costa, l’altra servirà come decorazione) tagliati a pezzetti. Aggiungere il polpo e cuocerlo per cica 20 minuti, poi lasciarlo intiepidire nella sua acqua. Dovrà risultare morbido.

Toglierlo dall’acqua (conservando un po’ di acqua di cottura), lasciarlo raffreddare e tagliarlo a tocchetti.

 

Lavare la melanzana violetta, cuocerla in forno per circa 30 minuti a 200°C (la si può cuocere anche nel microonde ad una potenza di 900 Watt per circa 15 minuti). Lasciarla raffreddare, eliminare la buccia ed i semi.

Trasferirla nel boccale del frullatore insieme ai fagioli, ad un po’ di acqua di cottura del polpo, alla spremuta di lime e frullare bene. Regolare di sale.

Dovrà risultare una crema densa e morbida.

 

Trasferire la crema in coppette individuali, aggiungere il polpo, qualche pezzetto di sedano tagliato a pezzettini, una generosa grattata di pepe, un po’ di olio e terminare con il ribes.

 

Servire come antipasto, ottimo come idea per un brunch.





 

Per quanto riguarda gli ingredienti, aggiungerei due parole in merito ai fagioli freschi di BioExpress che ho utilizzato. Rispetto alla versione fagioli secchi o già cotti i fagioli freschi hanno una marcia in più, questi in modo particolare perché bio e quindi mooooolto più buoni.
Ovviamente ne beneficia anche la ricetta!!

 

commenti

lascia un commento

Copyright © Cucina & Svago 2017. Tutti i diritti riservati. Powered by Helmet Digital System