Pesto di gambo di cavolfiore e mandorle: alternativo e gustoso

PESTO DI GAMBO DI CAVOLFIORE E MANDORLE
 

Oggi propongo un pesto tutto vegetariano a base di gambo di cavolfiore, mandorle e acciughe. Un modo per non buttar via nulla e per creare un condimento particolare adatto a condire la pasta, ma anche per servire delle ottime bruschette light.
 

La ricetta del pesto di gambo di cavolfiore è un ottimo sugo per condire una pasta corta, tipo mezze penne o tortiglioni ma nulla ci vieta di usarlo anche per gli spaghetti.

Le acciughe danno un tocco saporito alla delicatezza del cavolfiore e le mandorle servono a dare croccantezza al piatto. 
Non dimenticate, però, di utilizzare un olio extravergine d'oliva di qualità per esaltare la preparazione.

Insomma, si tratta di un condimento che è decisamente completo!


E questa ricetta la aggiungo alle numerose ricette di pesto che creo.
Ormai mio figlio dice che pesto qualsiasi cosa! Discordo decisamente. Semplicemente mi piacciono i sughi cremosi e il pesto si presta benissimo. In realtà, a volte non pesto, ma frullo....

Ammetto però che mi piace creare dei pesti diversi dal solito, come il pesto di cavolo rosso, quello di fave o il pesto di rucola e mandorle, valida alternativa al classico con basilico e pinoli.

Non è male anche la versione con la salvia, nata da uno scambio di ricette con una signora al supermercato…. la spesa è anche questo!



 

 

INGREDIENTI PER 4 PERSONE

IL bambo di un cavolfiore

20 mandorle con buccia Armienti Bio

1 spicchio d’aglio (piccolo)

5 acciughe sott’olio

1 cucchiaio di capperi dissalati

2 cucchiai di semi misti (semi di lino, semi di zucca, semi di girasole)

Olio Extravergine d’oliva Bonamini Vert de Vert q.b.

Sale fino

 

PROCEDIMENTO

Lasciare a bagno il gambo di cavolfiore in acqua fredda, sciacquare e lessare in acqua bollente salata.

Frullare il gambo di cavolfiore, aggiungere le mandorle, le acciughe, i capperi, l’aglio e l’olio fino ad ottenere un composto liscio. Regolare di sale.



 

Servire con pasta corta e terminare il piatto con i semi.

 





 

Amico in cucina

Come dicevo nell'introduzione, per questa ricetta bisogna scegliere un olio extravergine d'oliva di qualità.
Pochi sono gli ingredienti che la compongono e l'olio è fondamentale per fare da trait d'union tra tutti.


Ho scelto pertanto l'olio Vert de Vertes di Frantoio Bonamini: un olio costituito esclusivamente da olive verdi di varietà Peranzana, spremuto a freddo e perfetto da utilizzare in accompagnamento alle verdure.



 

 

commenti

lascia un commento

Copyright © Cucina & Svago 2017. Tutti i diritti riservati. Powered by Helmet Digital System