Just Love: dove il dolce di Nicolò Moschella incontra il cocktail perfetto!

PASTRY PAIRING CON NICOLO’ MOSCHELLA AL JUST LOVE


 

Nicolò Moschella, Pastry Chef milanese, ormai lo conoscono tutti.
 


E’ al Just Love, rinomato locale milanese in Porta Ticinese, che lo incontro di nuovo con grande piacere. Giovane, sorridente e garbato come sempre mi accoglie presentandomi le sue nuove dolci proposte estive: l’accurata descrizione di quelle che sono le sue ultime tre monoporzioni lasciano trasparire in ogni sua parola una grandissima passione in tutto ciò che fa.

 


 

Ma la novità non è soltanto questa.

Lo Chef, che dirige il suo Pastry Lab di Cornaredo, ha voluto regalarci un’esperienza di pastry-pairing in cui i sapori dei suoi dolci sono stati perfettamente abbinati ai cocktail realizzati dai giovani studenti della seconda superiore dell’Istituto Paolo Frisi di Milano (dipartimento di Enogastronomia).


 


 

E’ il suo desiderio di creare novità per la sua clientela che porta Nicolò Moschella a testare ogni giorno gusti originali, mentre la sua giovane età gli permette di affrontare sfide interessanti.
Si è trattato di un viaggio all’insegna di sapori stagionali insoliti, il cui sapore è stato esaltato da drink gradevoli studiati appositamente.

E’ importante conoscere il pensiero di Nicolò in merito, infatti dichiara “se l’alta pasticceria è una scienza esatta, il pastry-pairing è la chimica del gusto in cui, unendo due elementi, si ottiene un risultato unico.”

Ma entriamo nel dettaglio di quelle che sono state le tre proposte:
 

Moncherry
Mousse di yogurt, all’interno un cuore cremoso all’amarena, alla base un pan di Spagna.
Il suo cocktail? Un alcolico contenente spumante brut, succo di pompelmo rosa, sciroppo di rosa.                    

Abbinamento: similitudine di profumi. La rosa (sciroppo di rosa del cocktail) e la ciliegia (ingrediente del dolce) appartengono alla famiglia delle rosaceae e hanno quindi gli stessi profumi. Il pompelmo rappresenta la nota acida che va a contrastare il sapore dolce, mentre lo spumante va a pulire perfettamente la bocca per permettere una miglior degustazione della monoporzione. La naturale acidità del pompelmo abbinata alla dolcezza dello sciroppo alla rosa creano un sapore estremamente fresco.

 

   

 

Melinda Estiva
Mousse alla mela verde, all’interno un cuore di mele spadellate e profumate alla cannella. Alla base una frolla all’amaretto.
Il suo cocktail? Un analcolico contenente succo di aloe, sciroppo di fragola, zenzero fresco e limone

Abbinamento: a contrasto. Lo zenzero e il limone per contrastare le note dolci della mousse con sapori aciduli e piccanti e per pulire la bocca. L’aloe che richiama i profumi della mela verde. L’insieme offre al palato un sapore intenso e persistente.


 

 

Mascarpone e fichi
Tartelletta con crema di fichi e mousse al mascarpone.
Il suo cocktail? Alcolico con passito di Pantelleria, ginger ale, amaretto di Saronno

Abbinamento: similitudine di sapori. L’intensità e il profumo di fichi secchi e mandorla, del passito e delle note dolci dell’amaretto di Saronno si sposano perfettamente con la naturale dolcezza del fico, creando un raffinato abbinamento dal gusto corposo e rotondo.


 


 

Il mio preferito? Non uno soltanto! Direi Melinda estiva e Moncherry.
 

   


 

GRAZIE Nicolò per questa bellissima esperienza, ma so per certo che non sarà l’ultima volta che riuscirai a sorprendermi!

commenti

lascia un commento

Copyright © Cucina & Svago 2017. Tutti i diritti riservati. Powered by Helmet Digital System