Pane con l'uvetta: merenda dal passato

PANE CON L'UVETTA

Il pane con l'uvetta mi riporta alla mia infanzia quando, nei piovosi pomeriggi con un preponderante ma adorabile odore di legna, entravo in quelle pizzicherie di montagna nelle quali non poteva mancare questa delizia, a metà tra il pane ed il dolce.
Semplicità allo stato puro per gustare una merenda sana e non elaborata.
In accompagnamento ad un buon succo di frutta mi rendeva felice sin dai primi morsi.
Nella ricetta che segue l'ho sperimentato nella versione golosa con l'aggiunta di crema spalmabile al cacao e nocciole.
 
 

INGREDIENTI
Per la biga
150 gr. di farina manitoba
100 gr. di farina 0
150 gr. acqua fredda
2 gr. di lievito di birra fresco
 
Per l’impasto
150 farina manitoba
100 gr. di farina 0
130 gr. di acqua tiepida
20 gr. di lievito di birra
35 gr. di burro
400 gr. di uvetta sultanina
1 cucchiaino di sale
 
PROCEDIMENTO
Per la biga
Sciogliere il lievito nell’acqua. Mettere la farina in una ciotola ed unire poco alla volta la farina mescolando con una forchetta. Deve risultare un impasto piuttosto grezzo.
Coprire con un canovaccio umido e far lievitare dalle 12 alle 16 ore in forno spento. (Foto 1)
 
 

(Foto 1)
 
Per l’impasto
Sciogliere in 70 gr. di acqua il lievito ed unire il tutto alla biga mescolando con la punta delle dita fino a scioglierla. (Foto 2)
 
 

(Foto 2)
 
Aggiungere il burro molto morbido e, gradualmente, la farina, il sale ed il resto dell’acqua. (Foto 3)
 


(Foto 3)
 
Lavorare l’impasto per circa 15 minuti con una planetaria ed altri 5 minuti su di un piano leggermente infarinato. Si dovrà ottenere un impasto liscio e morbido che non si attacca né alla superficie né alle mani. (Foto 4)
 
 

(Foto 4)
 
Dividere l’impasto in due parti. (Foto 5)
 
 

(Foto 5)
 
Appiattire la pasta con un matterello fino ad ottenere un rettangolo dallo spessore di qualche millimetro.
Distribuire su tutta la superficie la nocciolata Rigoni di Asiago e metà dell’uvetta, precedentemente lasciata in ammollo per ½ ora in acqua tiepida e ben strizzata. (Foto 6 e 7)
 
 

(Foto 6)


(Foto 7)
 
Arrotolare bene la pasta fino ad ottenere un grande rotolo, avendo l’accortezza di richiudere bene prima il lato corto. (Foto 8)
 
 

(Foto 8)
Procedere nello stesso modo con l’altra parte di pasta.
Rivestire una teglia con carta forno leggermente infarinata e disporvi i due rotoli con la sigillatura nella parte sottostante. (Foto 9)
 


(Foto 9)

 
Coprire con un telo e lasciar lievitare in forno spento per 2 ore.
Pennellare la superficie dei due rotoli con acqua calda.
Infornare in forno statico pre-riscaldato a 220°C per 10 minuti, poi abbassare il forno a 200°C e cuocere per altri 30 minuti.
Togliere dal forno e cospargere la superficie con poca farina. (Foto 10)
 


(Foto 10)

 

 
Amica in cucina
 
 
Ma quale amica in cucina? Io la definirei piuttosto alleata!
Mia salvatrice quando ho un forte desiderio di cioccolata, La nocciolata Rigoni di Asiago è sempre con me per soddisfare questo bisogno, ma anche per accompagnare le mie dolci preparazioni.
 
Altro non è che una crema di cacao e nocciole a cui non riesco a rinunciare, neppure quando avanza un pezzetto di pane in tavola, che è per me l’alibi per spalmarne un po’ finendo il pranzo in bellezza!
 
 
 

commenti

lascia un commento

Copyright © Cucina & Svago 2017. Tutti i diritti riservati. Powered by Helmet Digital System