All’Atelier dei Sapori cucina e teatro insieme per una serata da ricordare

CUCINA E TEATRO INSIEME DA ATELIER DEI SAPORI

 
Non posso non raccontarvi quest’esperienza inusuale che ho vissuto qualche sera fa.
 
Se vi chiedessi qual è il titolo di un famoso film legato alla cucina cosa rispondereste? Sono sicura “Il pranzo di Babette”. Famosissimo film degli anni ’80, ambientato alla fine dell’Ottocento, rappresenta il desiderio di un’artista in cucina di preparare un pranzo importante in memoria del padre delle due anziane sorelle che l’hanno accolta quando si e trovata  in difficoltà.
 
L’altra sera, all’Atelier dei Sapori, ho respirato la stessa atmosfera grazie ai quattro attori italiani del Teatro Alkaest che hanno riprodotto la trama del film. Un'occasione unica durante la quale gli attori hanno interagito con il pubblico durante tutta la rappresentazione, ma anche durante il pranzo stesso, permettendomi di vivere un'esperienza interattiva, accompagnata dalla buona cucina di Paola, Patrizia e Cristina.
 
 
 
 


Sempre per rappresentare al meglio il banchetto del film è stato preparato per i partecipanti e gli attori un menu che ha rispecchiato fedelmente il lauto pranzo organizzato da Babette.
 
A parte il complicatissimo brodo di tartaruga, il resto è rimasto perfettamente attinente al menu francese.
 
Curiosi di conoscerlo?
 
Per farvi gola inizierò col raccontarvi che abbiamo debuttato con del passito, offerto dagli attori, che ha preceduto degli sfiziosi blinis quasi Demidoff di grano saraceno accompagnati da salmone affumicato e panna acida. Davvero un bell'inizio!

 
 
 
 
La seconda portata è stata una rivelazione!
Ho avuto modo di assaggiare delle fausses cailles en sarcophage. E per chi non conosce il francese traduco! False quaglie, con un delizioso sugo, alloggiate in freschissimi voulevant ad opera di Atelier dei Sapori.
 

 
Non poteva certo mancare il plateau di formaggi francesi accompagnati da un fragrante ed enorme pane e frutta fresca.
 
 
 

 
Tra tutte queste leccornie le bollicine protagoniste della serata sono state il Prosecco ed il Rosso Monte del Frà: due ottimi vini che hanno fatto da filo conduttore per tutto il pranzo di Babette.
 
 
E per concludere un dolce eccezionale: il savarin al rhum con fruits confits, friandises e meringhe con un tocco di cacao.
 

 
I vassoi di frutta fresca hanno rallegrato la tavola in quell'atmosfera di mistero a lune di candela, che ci ha avvolti sin da subito, riportandoci indietro nel tempo.

 


 
 

 
Ne sono uscita decisamente soddisfatta e con una certezza in più: Atelier dei Sapori è la mia scuola di cucina “a tutto tondo”!

 
 
Per ogni tipo di esigenza, Atelier dei Sapori costruirà la vostra serata insieme a voi.
 

 
 
Per informazioni: www.atelierdeisapori.it
 
 
 
 
 

commenti

lascia un commento

Copyright © Cucina & Svago 2017. Tutti i diritti riservati. Powered by Helmet Digital System